Rame e Alluminio, previsione prezzi a breve termine

Le previsioni sui prezzi LME di Rame e Alluminio (contratti a 3 mesi), nei nostri Report della scorsa settimana (inviati ai clienti Domenica 15 marzo) erano di movimenti di prezzo all’interno delle “forchette” di 6.080 – 5.650 $ a tonnellata, per il rame e di 1.815 – 1.755 $ a tonnellata, per l’alluminio primario.

I massimi e minimi effettivamente toccati dal mercato sono stati, rispettivamente, di 6.082,5 – 5.621,5 $, per il rame e 1.810 – 1.757 per l’alluminio.

La previsione settimanale di Domenica 15 marzo si basava sulla possibilità di un rimbalzo per materie prime, preziosi e, soprattutto, per le quotazioni dell’euro verso dollaro. Così infatti ci esprimemmo, nei nostri Report in quella data:

“(…) La nostra opzione preferita nel breve termine è, quantomeno, per un rimbalzo dell’euro e dei corsi di materie prime e preziosi, visto che i prezzi sembrano avere già incorporato tutti i possibili fattori negativi e pertanto, in assenza di nuove e poco verosimili sorprese, gli operatori potrebbero scommettere su un significativo rimbalzo (…)”.

Le ipotesi formulate nel precedente Report settimanale, dunque, si sono realizzate e il mercato dei metalli non ferrosi si è sensibilmente ripreso. A questo punto forniamo di seguito qualche spunto dai Report settimanali di oggi e relativo pronostico di breve termine per Rame e Alluminio (LME a 3 mesi).

Il dollaro in sensibile discesa ha portato notevole sollievo ai prezzi di tutti i non ferrosi e, più in generale, ha fatto diminuire il nervosismo che, di recente, aveva dominato tutti i mercati. La moneta americana ha reagito all’atteggiamento del banchiere centrale statunitense, rivelatosi più cauto delle attese, indebolendosi nettamente e gli operatori hanno accolto con favore questo segno, di nuovo più accomodante di quanto atteso, sulle prospettive della politica monetaria americana, ricominciando ad acquistare euro.

La cautela della Federal Reserve, seguita alla riunione della Banca centrale dello scorso mercoledì 18, è apparsa anche nei commenti sullo stato dell’economia, oltre alle considerazioni sulle future iniziative di politica monetaria. La conferma che l’economia statunitense non è in fase di surriscaldamento e che la crescita sta procedendo in modo un po’ meno robusto di quanto si pensasse, ha contribuito con decisione a rasserenare il clima.

Dollaro in calo e benevolenza del banchiere centrale statunitense hanno avuto la meglio, nonostante ulteriori conferme che la situazione cinese resta fortemente critica. Il mercato, infatti, ha ignorato i dati di febbraio sul mercato immobiliare cinese, ancora pesanti e di cattivo auspicio.

Tuttavia, ora che la riunione della Federal Reserve è alle spalle, è molto probabile che presto il focus si sposti nuovamente sulla Cina e sulle possibilità che l’azione del Governo riesca a risollevare le future sorti della congiuntura, il fattore decisivo per le prospettive dei prezzi delle materie prime maggiormente legate ai cicli economici.

Dalla settimana prossima, a nostro avviso, il focus del mercato ritornerà sui fondamentali delle economie e il calendario a breve termine è fitto di dati di grande importanza, tra cui occorre citare gli indicatori PMI di Cina, Francia, Germania, Zona Euro, USA. Il comportamento dell’euro dollaro potrebbe essere di continuazione del rimbalzo in corso con successivo consolidamento dei guadagni raggiunti, soprattutto nel caso di miglioramento dei dati economici europei (e dell’indice IFO tedesco, mercoledì 25 marzo) e di nuovi “numeri” non particolarmente forti sull’economia americana (in particolare quelli relativi al mercato immobiliare (vendite abitazioni esistenti, vendite nuove abitazioni, mutui).

PREVISIONE RAME  (3 mesi LME)

Riteniamo probabile un movimento dei prezzi a breve termine in un’area di valori compresa
tra:
6.280 e 5.880 $.

Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili.

PREVISIONE ALLUMINIO PRIMARIO  (3 mesi LME)

Riteniamo probabile un movimento dei prezzi a breve termine in un’area di valori compresa tra:
1.835 e 1.780 $.
Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili.

I lettori possono richiedere una prova gratuita dei servizi (limitatamente al Report Settimanale) contattando:

mg@mercatiefuturo.com