Metalli non Ferrosi LME a 3 mesi: la nostra previsione del 2 aprile

Pubblichiamo di seguito brevi stralci dalle previsioni inviate ai nostri clienti lo scorso 1 aprile. Le correnti previsioni settimanali così come i Reports annuali e mensili con previsioni a 12 mesi sono riservati in via esclusiva ai clienti.

Invitiamo le imprese che ci leggono ad un periodo di prova gratuita dei reports su metalli non ferrosicambi. Per attivare la prova basta farne richiesta a:

mg@mercatiefuturo.com

RAME

“(…) Stando alle più recenti risultanze delle elaborazioni in base ai nostri sistemi, tenuto conto di tutte le condizioni e fatti riferiti alla situazione finanziaria ed economica internazionale e allo specifico quadro di questo metallo, vediamo un netto aumento delle probabilità di una negativa evoluzione dei prezzi.

Il rialzo del dollaro e il riacutizzarsi della crisi europea sono attualmente i principali fattori di declino dei valori, ma eventuali notizie deludenti sulle prospettive future della domanda cinese potrebbero colpire il metallo in modo irrimediabile, spingendolo verso nuovi minimi inattesi dalla maggior parte degli operatori e che potrebbero sorprendere il mercato.

Il prezzo del rame è di nuovo in avvicinamento alla linea dei 7.500 $; il rischio di violazione dei minimi recenti di 7.480 è in aumento e potrebbe portare ad un successivo avvitamento dei prezzi fino alla successiva area di 7.270.

Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili (…).”.

ALLUMINIO PRIMARIO E SECONDARIO

“(…) L’evoluzione negativa a breve termine ha portato i corsi del metallo fino al supporto i  area 1.880; la possibile (e probabile) compromissione di questo solido valore di supporto potrebbe preludere a un’ulteriore caduta dei corsi di borsa fino a quota 1.830.

Le condizioni dello scenario internazionale, soprattutto sul versante finanziario, implicano rischi abbastanza elevati di un’evoluzione di questo tipo.

Alluminio secondario: il range ipotizzato dai nostri sistemi a breve è 1.835 – 1.780 $.

Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili (…).”.

NICHEL

“(…) Prezzi ancora in zona 16.500 con un aumentato rischio che, in caso di violazione di questo valore, i valori possano cadere fino all’area:

16.000-15.800.

Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili (…).”.

ZINCO

“(…) Visto il pregresso andamento dei prezzi e le condizioni dello scenario, ancora molto denso di rischi soprattutto sul versante finanziario, riteniamo possibile un attacco alla linea dei 1.880 $ che, molto probabilmente, porterebbe ad una caduta dei valori fino all’area 1.800 $.

Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili (…).”.

PIOMBO

“(…) Prezzi in caduta e violazione del minimo proposto di 2.160.

A questo punto il pericolo deriva dal possibile avvicinamento a quota 2.080-2.060 $ con il rischio che, una volta violata detta area, i prezzi possano avvicinarsi al valore di 2.000.

(…)

I rischi presenti nello scenario finanziario non consentono di sottovalutare questa evoluzione dei fatti che, a nostro avviso, ha elevate probabilità di realizzarsi.

Per scenario e dinamica di lungo periodo rinviamo ai nostri reports annuali e mensili (…).”.

Invitiamo le imprese che ci leggono ad un periodo di prova gratuita dei reports su metalli non ferrosicambi. Per attivare la prova basta farne richiesta a:

mg@mercatiefuturo.com