Alluminio e rame: estratti dai reports del 20 febbraio

Pubblichiamo due estratti dai nostri reports settimanali inviati ai clienti lo scorso lunedì 20 e contenenti previsioni a brevissimo termine per alluminio e rame. Prezzi LME a 3 mesi. Le previsioni mensili ed annuali sono riservate ai clienti.

Riservato alle aziende: richiedete prova gratuita delle nostre analisi scrivendo  a mg@mercatiefuturo.com

Alluminio: previsione settimanale del 20.02 (LME a 3 mesi)

“(…) I prezzi raggiungono minimi a 2.148 $ prima di chiudere la settimana a 2.164. La forza dei prezzi petroliferi e la tranquillità nelle borse non riescono a spingere ulteriormente i prezzi.

Il livello di 2.150 dovrebbe continuare ad offrire supporto ma, in caso di rinnovate tensioni sui mercati, le quotazioni dell’alluminio potrebbero tornare in zona 2.080-2.060 mentre, verso l’alto, riteniamo ancora molto improbabile un superamento del livello di 2.300 $.

Vedremo cosa avverrà nel 2012 ma ricordiamo di fare sempre riferimento ai valori previsti nei nostri reports annuali/mensili che scontano completamente tutti i fattori conosciuti (…)”.

Rame: previsione settimanale del 20.02 (LME a 3 mesi)

“(…) Prezzi in forte discesa, fino ai minimi dal 18 gennaio, con chiusura della sessione a 8.175 $. Ancora qualche discesa delle scorte LME, ma le scorte ufficiali cinesi, a Shanghai, continuano a salire significativamente.

In settimana potrebbero esserci forte volatilità e movimenti di prezzo ampi, nei due sensi. In caso le borse continuino il loro passo rialzista, i valori del rame potrebbero tornare in zona 8.380-8.450, in caso contrario, la ripresa del movimento ribassista potrebbe portare i prezzi in zona 8.090 prima, 7.800 poi.

Il rapporto euro dollaro, come indicatore dei principali rischi nello scenario, fornirà indicazioni direzionali importanti, per i movimenti di breve termine (…)”.

Nei prossimi giorni torneremo con qualche nota sul tasso di cambio euro/dollaro. Approfittiamo dell’argomento per ricordare che il sito dei nostri amici di

Selftrading.it

è ancora in fase di lancio e pertanto consultabile liberamente e gratuitamente.