Mercati 2012: come si comporteranno i non ferrosi?

Grazie ad una fortunata coincidenza, possiamo ricominciare ad aggiornare il blog…

e partiamo subito con una nota estremamente sintetica finalizzata a mettere sull’avviso quanti avranno a che fare con i metalli non ferrosi, nell’anno 2012, rispetto a possibili sorprese che ormai da anni, sempre più frequentemente, incidono in modo sensibile sull’andamento di quotazioni e volatilità. Si tratta sempre più spesso di fatti che poco hanno a che vedere con la domanda per consumi reali e molto con altre circostanze e situazioni spesso legate, direttamente o indirettamente, al mercato finanziario.

Il 2011 ha visto agire, soprattutto sui prezzi dei “non ferrosi”, una serie di fattori che hanno contribuito notevolmente all’aumento della volatilità e ad indirizzare l’andamento dei prezzi. In primo luogo, tra fine 2010 ed inizio anno si cominciò a parlare di presunte posizioni dominanti assunte da primarie istituzioni bancarie e finanziarie sul mercato di tutti i metalli; successivamente abbiamo assistito a vari episodi di quella che è stata poi definita la “guerra dei magazzini” ovvero la tendenza ad acquistare quote proprietarie delle società titolari dei magazzini accreditati presso il LME  da parte di alcune importanti istituzioni finanziarie. Nella seconda parte dell’anno sono poi emersi altri fatti importanti, come l’allungamento dei tempi di consegna dei metalli prenotati per il ritiro presso alcuni importanti magazzini LME con conseguenze, a detta di molti traders, su prezzi di mercato e premi. In un simile elenco vanno citati anche i vincoli per tanta parte delle scorte di alcuni metalli a contratti di natura finanziaria, così come le vicende legate al divergente andamento, in certi momenti, delle scorte ufficiali nelle borse e di quelle non ufficiali (soprattutto sul mercato cinese) ed in attesa di sdoganamento. Ritorniamo anche sul fenomeno dell’uso dei metalli di base ed in particolare delle lettere di credito relative ad acquisti cinesi dei medesimi, in funzione di garanzia per ottenere crediti bancari in Cina, dopo le manovre restrittive adottate dalla banca centrale cinese. Dei fatti sopra riportati sono state fornite varie e diverse spiegazioni ed a volte alcuni di essi sono stati definiti privi di fondamento, da alcune parti interessate. Non ci interessa in alcun modo entrare nella questione “vero o falso” circa gli episodi sopra riportati, ci è sufficiente che, in presenza di un mercato volatile e dai corsi spesso enigmatici, certi eventi siano semplicemente verosimili.

Cosa accadrà di nuovo, in tal senso, nel 2012? Ci sarà un ritorno in massa del capitale finanziario verso materie prime e metalli oppure una prevalente avversione al rischio terrà lontani tanti operatori dal mercato? Abbiamo maturato alcune precise opinioni in merito, di cui ovviamente non possiamo riferire qui perché riservate ai soli clienti ma, nello spirito del blog, ne diamo conto, invitando a grande prudenza circa le possibili sorprese (rispetto a fattori puramente economici) che, anche nel 2012, potranno condizionare l’andamento dei prezzi.

Infine, gli ultimi dieci anni hanno visto una forte e crescente presenza del capitale finanziario sui mercati delle materie prime. In passato abbiamo spesso descritto i meccanismi che, a nostro avviso, sono stati alla base di tale interesse che, negli ultimi tempi, si è trasferito anche alla massa degli investitori. Non abbiamo il tempo di ripercorrere i numerosi fattori che hanno fatto nascere e crescere tale attenzione rispetto al passato, ma ci preme ricordarne almeno uno che consideriamo ancora come il principale. Si tratta della perdita di potere d’acquisto delle valute ed assets cartacei a produzione teoricamente illimitata, rispetto ai beni reali disponibili in natura in quantità definita; con le politiche monetarie di estrema generosità ancora in atto, in tutto il mondo, riteniamo non sia errato pensare che tale spinta continuerà ad agire in modo determinante sull’andamento delle quotazioni, anche negli anni a venire, indipendentemente dal tono dell’economia.

Ricordiamo anche i nostri recenti articoli sui temi/fattori economici, finanziari, politici, che riteniamo verranno in considerazione, nel 2012: previsioni 2012 prima parte e previsioni 2012 seconda parte.

Richiedete prova gratuita dei nostri reports contattando

mg@mercatiefuturo.com

e specificando ditta, recapito telefonico e metalli cui si è interessati.